giovedì 15 aprile 2010

Mirto... ajò!

Mirto
Ed anche il Mirto è fatto! Finalmente posso dire di aver portato a termine un altro "lavoretto" lasciato in sospeso da più di un mese:-)) Ho avuto la fortuna di ricevere in regalo da mio cognato delle bacche di mirto appena arrivate dalla Sardegna e ne ho subito approfittato; liquore tradizionale di origine sarda, piace a maschietti e femminucce per via del suo intenso aroma di sottobosco e naturalmente è la felice conclusione di un pasto tra amici. Le bacche (sempre essiccate) sono saltuariamente utilizzate per insaporire carni e aromatizzare salumi; nel Lazio si utilizzano per preparare il "mortatum" romano: una salsiccia al mirto, mentre in Sardegna è molto diffusa la trasformazione industriale delle bacche in liquori, marmellate e dolciumi.
Il mio Mirto non è molto dolce in quanto a noi a casa piace sentirne l'aroma intenso, ma nessuno vieta di aumentare la dose di zucchero a vostro piacimento.


MIRTO

INGREDIENTI:
  • 1 litro di alcool puro 95%
  • 500 gr. bacche di mirto
  • 600 grammi di zuccchero semolato
  • 1,1 litri di acqua
PREPARAZIONE:
Lavare bene le bacche di mirto, farle asciugare e metterle in un contenitore di vetro con il tappo, versare all'interno anche l'alcool e chiudere; lasciare in infusione per 40 giorni al buio.
Dopo 40 giorni:
Filtrare l'infusione di alcool e bacche con un un tessuto di cotone. Dopodichè scaldare l'acqua con lo zucchero, farlo sciogliere bene e far raffreddare il tutto.
Unire l'acqua zuccherata all'infusione e mescolare bene. Imbottigliare il mirto così ottenuto e riporlo in frigorifero o nel congelatore per 15 giorni prima di degustarlo.

2 commenti:

  1. mirto, ricordi di tre giorni felici in a cagliari !! ciao!!

    RispondiElimina
  2. @ ciao! Lieta di averti fatto venire in mente dei bei momenti... a presto!

    RispondiElimina

Se desideri lasciarci un commento, saremo felici di risponderti. Grazie per la tua visita.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...