giovedì 22 aprile 2010

Torta povera di pane e mele

Torta povera di pane e mele
Un tempo veniva chiamata Torta povera per via dei pochi ingredienti  utilizzati e per il recupero del pane raffermo di cui si disponeva sempre in casa, e credo perchè povera di zuccheri e grassi.
Questa crostata è senza dubbio tra le più salutari che conosco. La sua forza è quella appunto di non contenere zuccheri aggiunti e la sua dolcezza è data dalla marmellata e dalle mele. Il sapore ricorda un po' quello dello strudel perchè oltre alle mele, ci sono i pinoli, l'uvetta e la cannella, ma trovo che sia molto più golosa per via della pasta frolla e del rum.
Non c'è un momento giusto della giornata per gustarla, è buona sempre; a volte (quando ho poco tempo) diventa il mio pranzo insieme ad una spremuta d'arancia;) 
E' la reinterpretazione della ricetta originale di Luca Montersino, adattata secondo i miei gusti; l'ho resa più "rustica" con la farina integrale nella frolla e con il pane integrale (fatto sempre in casa) nel ripieno, per avvicinarmi il più possibile ai sapori poco raffinati di un tempo.

Torta povera di pane e mele

TORTA POVERA DI PANE E MELE
(Ricetta di Luca Montersino modificata)
 INGREDIENTI:
  • 2 mele renette
  • 40 gr. di uvetta sultanina
  • 20 gr. di pinoli
  • 30 gr. di rum
  • 160 gr. di pane integrale
  • 4 cucchiai di confettura di albicocca
  • 60/80 gr. di latte
  • Scorza di 1/2 limone bio
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere 
 Per la pasta frolla:
  • 150 gr. di farina semintegrale bio
  • 50 gr di farina integrale bio
  • 100 gr. di burro
  • 70 gr. zucchero di canna
  • 1 uovo
  • 1 gr. di sale fine
  • scorza di 1/2 limone bio
PREPARAZIONE:
Mettete nella ciotola della planetaria con la foglia le farine, il sale e il burro freddo a pezzi; fate girare la macchina fino a sabbiare il composto, dopodichè unite lo zucchero di canna (precedentemente frullato per renderlo più fine), la scorza del limone e l'uovo. Appena si sarà formato l'impasto formate una palla, avvolgetela in una pellicola e fatela riposare in frigorifero per circa 30 minuti.
Sbucciate e tagliate a cubetti le mele, tagliate a dadini il pane e ammorbiditelo nel latte, ammollate l'uvetta in acqua tiepida e poi mettetela a bagno nel rum.
Mettete in una ciotola i cubetti di mela, l'uvetta scolata dal rum (non troppo), il pane strizzato dal latte, i pinoli, la cannella, la scorza di limone, 2 cucchiai di confettura di albicocche e amalgamate delicatamente gli ingredienti.
Nel frattempo foderate con la pasta frolla uno stampo ben imburrato di 20/22 cm. (tenendo da parte i ritagli di pasta frolla che avanzeranno dai bordi), bucherellatelo con una forchetta e spalmate sul fondo e nei bordi 2 cucchiai di confettura di albicocche. Riempite con il composto di mele e completate la superficie con la pasta frolla avanzata passata attraverso un setaccio a maglie larghe, in modo da formare tanti vermicelli.
Infornate a 180 gradi per 35-40 minuti circa. A fine cottura, una volta fredda, spolverizzatela con lo zucchero a velo.

10 commenti:

  1. @ marsettina: ciao! Benvenuta sul mio blog...sissì provala poi fammi sapere;) a presto!

    RispondiElimina
  2. Mi sa che anche se povera questa torta è una delizia, con spezie e frutta secca... golosa e rustica!
    ricetta da salvare:)

    RispondiElimina
  3. This looks so good! I am going to make it for my family.
    Questo sembra così buono! Ho intenzione di farlo per la mia famiglia.

    RispondiElimina
  4. @ tery: è vero! Se ami i gusti rustici ti piacerà senz'altro;) io abbondo anche con la cannella... ciao ciao

    @ Ann: vedrai che sarà un successo! Buona fortuna;) see you

    RispondiElimina
  5. Che buona! le cose semplici e "povere" anche se solo di nome sono le migliori :-)
    Ciao

    RispondiElimina
  6. @ Nepitella: hai ragione! Infatti ogni volta che la preparo, pur mangiandone più fette in un giorno, non mi appesantisce, anzi mangerei solo torta... attenzione, crea dipendenza;) ciao

    RispondiElimina
  7. wow!!! decisamente una squisitezza!!! complimenti davvero, e già che ci sono... perchè non partecipi con questa delizia alla mia raccolta anti-spreco del pane raffermo? la trovi sul mio blog... se ti va basta che mi mandi il link di questa meravigliosa crostata... complimenti anche per tutte le altre ricette e foto...
    ciao ciao
    Vale

    RispondiElimina
  8. @ Vale: grazie per i complimenti e della tua visita, ho provveduto subito ad inserire il link della ricetta sul tuo blog. Bellissima iniziativa.
    Ciaoooooooo

    RispondiElimina
  9. Bella mi ispira molto questa torta..povera ma ricca direi!

    RispondiElimina

Se desideri lasciarci un commento, saremo felici di risponderti. Grazie per la tua visita.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...