martedì 15 maggio 2018

Risotto robiola, barbabietola e timo limone

Risotto robiola, barbabietola e timo limone

Questo è un piatto che mangerei all'infinito. Il genere di pasto che mi fa sentire appagata dal suo gusto intenso, dalla cremosità dei suoi ingredienti e anche dalla sensazione di leggerezza che mi permette di concedermi subito dopo anche un piccolo dessert.

Il riso che ho utilizzato è un riso coltivato a due passi da casa mia, che vanta un successo "mondiale", nel vero senso del termine. E' l'unica eccezione raffinata nella mia cucina, anche se di raffinato, in questo caso, c'è solo il colore e... la presentazione??;-). Il valore aggiunto di questo prodotto è che Acquerello è a tutti gli effetti un riso integrale grazie al suo brevetto internazionale. 
Certo è che anche la Robiola di Roccaverano ha fatto la sua parte... e lei non necessita affatto di presentazioni! 
In questo risotto ritrovo tutto il gusto del mio Piemonte, l'eccellenza.


RISOTTO ROBIOLA, BARBABIETOLA E TIMO LIMONE

INGREDIENTI per 4 persone:
  • 300 gr. di riso carnaroli (io ho usato Acquerello)
  • 170 gr. di robiola di Roccaverano
  • 50 gr. di barbabietola precotta
  • alcuni rametti di timo limone
  • 1 lt. di brodo vegetale
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 1 cucchiaio di olio EVO
  • sale q.b.
PREPARAZIONE:
Scaldate il vino in un pentolino per un paio di minuti in modo da dealcolizzarlo.
Fate tostare il riso in una casseruola, unite il vino, fate sfumare e procedete aggiungendo al riso il brodo vegetale poco per volta.
Nel frattempo frullate con il minipimer la barbabietola con l'olio e un pizzico di sale, scaldatela e tenetela in caldo.
A cinque minuti dal termine della cottura del risotto, unite la robiola tagliata a tocchetti. Appena si sarà sciolta e il riso sarà cotto, regolate di sale, togliete la casseruola dal fuoco e fate riposare coperto con il coperchio per tre minuti. Servite il risotto nei piatti da portata, sistemando alcune gocce di salsa di barbabietola sul risotto e foglioline di timo limone.

mercoledì 11 aprile 2018

Torta salata asparagi e nocciole

Torta salata asparagi e nocciole
In cucina non esiste noia. Chi si annoia a tavola è infelice e le sue giornate seguono la stessa direzione. Non credo nelle diete tantomeno nell'alimentazione castigata che guarda ai grassi e ai carboidrati come se fossero nemici per tutti noi, pronti ad attaccarci e a farci prendere peso. Al contrario, se assunti nelle giuste quantità, sono necessari e fondamentali per darci l'energia e la vitalità che ci servono durante la giornata. Quindi inventiamoci sempre nuovi modi di cucinare il cibo che amiamo, abbiniamolo ad alimenti insoliti per noi, tentiamo nuove strade. Facendo così non ci mancherà mai nulla e soprattutto la nostra gola sarà soddisfatta e il nostro peso resterà in equilibrio.
Le torte salate rientrano nella hit del cibo più amato e questo fatto lo riscontro ogni giorno nel mio lavoro. Sono pratiche e veloci da preparare e portare con sé in ufficio o all'università per il pranzo, da mangiare al parco seduti su una panchina (per i più fortunati!) o alla scrivania, quindi via libera alla fantasia... ...ecco la mia idea di torta salata delle meraviglie: la amo. Punto. Alla follia.


TORTA SALATA ASPARAGI E NOCCIOLE

INGREDIENTI:

  • 500 gr. di asparagi 
  • 150 gr. di ricotta 
  • 3 uova 
  • 30 gr. di nocciole 
  • 30 gr. di Parmigiano grattugiato 
  • sale q.b. 
Pasta matta:
  • 250 gr. di farina semi integrale 
  • 100 gr. di acqua gasata 
  • 40 gr. di olio EVO (4 cucchiai circa) 
  • 1 cucchiaino di sale fino 
  • 1 cucchiaio di semi papavero 
PREPARAZIONE:
Pasta matta: inserite nella ciotola della planetaria tutti gli ingredienti e impastate usando la "foglia", se necessario unite ancora un po' di acqua. Appena si sarà formata una palla liscia e soda, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare trenta minuti. (Se non disponete di una planetaria, l’impasto può essere fatto anche a mano).

Lavate gli asparagi sotto l'acqua corrente, asciugateli ed eliminate la parte più dura dei gambi. Cuoceteli in acqua salata per circa 5-6 minuti. In una terrina amalgamate con una frusta la ricotta, le uova, il Parmigiano e un pizzico di sale.

Riprendete la pasta matta e tiratela con il mattarello; rivestite una teglia leggermente unta di olio e bucherellatela con una forchetta; versate il composto di uova e ricotta e adagiate sopra gli asparagi. Infine distribuite le nocciole tritate grossolanamente. Infornate a 180° per circa 35-40 minuti.


domenica 11 marzo 2018

Rose del deserto integrali

Rose del deserto integrali

Il Senso di Colpa  non ti dà tregua per tutto il giorno perché ti sei concessa/o un paio di dolcetti in un momento di relax? Tranquilli, capita a tutti... ma ci possiamo lavorare... 
Naturalmente occorre usare la testa prima di lasciarsi andare al richiamo degli zuccheri perchè l'istinto ci spinge a non avere un giusto controllo e questo meccanismo entra in gioco di continuo, quando siamo stanchi, tristi, arrabbiati... meglio quindi respirare e orientarsi verso gli ingredienti giusti. 
Tagliare le calorie il più delle volte non è esaltante, il sapore degli alimenti light non ci appaga e ci convinciamo sempre di più che il vero gusto stia nello zucchero e nei grassi. Sono anni ormai che sperimento nuove soluzioni più sane, più leggere ma soprattutto più golose e spesso sono scoraggiata dal risultato... preferisco concedermi una porzione più piccola di ciò che mi piace piuttosto che darmi ai "dolci senza"... l'ho sempre considerato triste sostituire, eliminare, alleggerire... 
Qualche piccola eccezione però la vorrei condividere... 
Provate a preparare queste piccole dolcezze tutta salute e gusto, non vi lasceranno "l'amaro in bocca"... anzi, potrete permettervene una quantità maggiore senza ricorrere all'allenamento doppio in palestra...


ROSE DEL DESERTO INTEGRALI

INGREDIENTI per 20-25 rose:

  • 150 gr. di farina integrale
  • 80 gr. di mandorle
  • 16 gr. di lievito per dolci
  • 2 uova
  • 40 gr. di olio di vinacciolo
  • 100 gr. di polvere di datteri (marca Rapunzel) o zucchero di canna integrale
  • ½ bacca di vaniglia o un cucchiaino di estratto liquido
  • 70 gr. di uvetta sultanina
  • 1 limone bio (la scorza)
  • 2 gr. di sale
  • 30 gr. di fiocchi di cereali integrali non zuccherati
Per la copertura:
  • 100 gr. circa di fiocchi di cereali integrali non zuccherati

PREPARAZIONE:
Fate rinvenire l'uvetta in acqua tiepida. 
Mettete le mandorle, la scorza del limone e lo zucchero nel bicchiere del frullatore o robot da cucina, triturate tutto fino ad ottenere una farina.

Riunite la polvere di zucchero e mandorle in una ciotola, aggiungete la farina e il lievito setacciati, il sale, la vaniglia (semi o estratto) e i fiocchi di cereali sbriciolati grossolanamente con le mani.

Amalgamate le uova con l'olio e unite tutto alle farine; sgocciolate l'uvetta dall'ammollo ed unite anch'essa al resto degli ingredienti. Lavorate con una forchetta fino ad ottenere un impasto appiccicoso ma denso.

Aiutandovi con un cucchiaio o con un dosa gelato, prelevate un po' di impasto e rotolatelo nei fiocchi di cereali interi. Formate una pallina e sistematela sulla placca da forno. Procedete in questo modo fino ad esaurire l'impasto. Cuocete le rose del deserto a 160° (forno ventilato) per 15 minuti.

martedì 27 febbraio 2018

Hummus di barbabietola

Hummus di barbabietola

Da vera pink addicted amo questo hummus oltre misura. A dire il vero sono una patita di hummus tradizionale che, da quando ho scoperto di andarne ghiotta, consumo settimanalmente. Che dire poi delle sue rivisitazioni... speciali! Riescono sempre ad esaltare l'ingrediente fondamentale della preparazione... per i pochi che ancora non lo conoscono, mi riferisco al tahin (o tahina), pura crema di sesamo frullata, una delizia. L'hummus è perfetto in tutte le occasioni e diventa una salvezza trovarne una ciotola bella pronta in frigorifero quando si è di corsa. Prepararlo è semplicissimo, basta riunire gli ingredienti e frullare. In più è super nutriente... semplicità allo stato puro.


HUMMUS DI BARBABIETOLA

INGREDIENTI per 6 persone:
  • 200 gr. di ceci precotti o secchi lasciati in ammollo per 8 h
  • 120 gr. di barbabietola precotta
  • 2 cucchiai di tahina (crema di sesamo)
  • 15 gr. di cipolla di Tropea
  • 1 cucchiaino di olio all'aglio
  • ½ cucchiaino di cumino in polvere
  • ½ limone (il succo spremuto)
  • 1 cucchiaio di olio EVO
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • sale q.b.
PREPARAZIONE:
Nella ciotola del robot da cucina unite i ceci, la barbabietola e la cipolla tagliate a pezzi, il succo del limone, l’olio all'aglio, la tahina, il cumino, l’olio extravergine d'oliva e un pizzico di sale. Frullate finché gli ingredienti non si sono amalgamati in maniera omogenea. Se l’hummus risultasse troppo asciutto aggiungete un po’ di acqua. Regolate di sale.

Servite su crostini di pane aggiungendo (se piace) del prezzemolo tritato.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...