domenica 22 aprile 2012

Tonno di coniglio

Tonno di coniglio
C'è molto da imparare dalle abitudini paesane di un tempo, molto da sapere su conservazioni e metodi di cottura alternativi, su periodi giusti di preparazione e tempi di attesa prima del consumo; una summa di esperienza e metodo che solo chi ha la fortuna di avere ancora in vita un nonno/nonna o un amico non più giovanissimo, può confermare.
Resto sempre affascinata dalla semplicità dei gesti, dal profumo degli aromi scelti per ottenere un risultato superlativo, e molto spesso mi domando se il mio piccolo "giardinetto aromatico" sistemato sul balcone di casa riceva o meno la giusta attenzione da parte mia in fatto di utilizzo.
Come avrete capito, oggi ci occupiamo di conserve, quelle che si fanno in momenti di particolare calma o di abbondanza di "materia prima" per intenderci... io ci vado a nozze, mi rilassa il rito della preparazione in sè, come pure sapere che avrò di che consolarmi quel giorno che rientrerò a casa tardi e non organizzata per pranzo o cena che sia. 
Piatto della tradizione piemontese (così dicono dalle mie parti ma chissà, magari pure lombarda, veneta, ligure e giù di lì), il tonno di coniglio rientra a far parte delle memorie di un tempo quando il benessere non apparteneva a tutti e si avvertiva tanta necessità di improvvisazione, soprattutto in cucina.
 
Tonno di coniglio

TONNO DI CONIGLIO

INGREDIENTI per 3-4 vasetti:
  • 1 coniglio di circa 1 Kg.
  • 1 cipolla
  • 3 chiodi di garofano
  • 
3 grani di pepe
  • 1 carota
  • 2 coste di sedano
  • 2 foglie di alloro 
  • 1 rametto di rosmarino

  • 1 rametto di salvia
  • 1 cucchiaio di sale grosso
Per i vasetti:
  • olio EVO q.b.
  • sale fino q.b.
  • 7-8 spicchi di aglio
  • 3-4 rametti di timo
  • 10 foglie di salvia
 
  • 2 rametti di rosmarino

  • sale fino q.b.
PREPARAZIONE:
Mondate e lavate le verdure e gli aromi; steccate la cipolla con i chiodi di garofano. Riempite di acqua una capiente casseruola, unite le verdure, gli aromi, i grani di pepe e portate ad ebollizione. Aggiungete il sale e fate sobbollire per 10-15 minuti, dopodiché immergete il coniglio tagliato in 2 o 3 parti e lasciate sobbollire ancora per circa 60-90 minuti, fino a quando la carne del coniglio risulterà tenera e si staccherà dalle ossa. Lasciate intiepidire nel brodo.
Prelevate il coniglio, fatelo scolare bene dal liquido e spolpatelo accuratamente  eliminando tutte le ossa e le cartilagini.
Versate sul fondo dei vasetti un filo d’olio, uno spicchio di aglio e qualche erba aromatica. Fate uno strato di coniglio, salate leggermente e ripetete l’operazione fino a riempire completamente i vasetti; terminate coprendo con l’olio. Conservate il tonno di coniglio in frigorifero per 2 giorni, prima di gustarlo. Si conserva per un paio di settimane.

11 commenti:

  1. Non metto in dubbio che dev'essere delizioso, ma per una mia scelta, non mangio il coniglio...credi che se provo questo metodo di conservazione con del pollo o tacchino, va bene uguale??
    p.s. : foto bellissime :).
    Ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, vuoi sapere una cosa? Io essendo vegetariana invece me ne concedo solo un pochino ogni tanto... Per risponderti, certo che puoi sostituire con pollo o tacchino, pensa che qui in Piemonte va forte con la gallina, quindi vai tranquilla! Un bacio cara

      Elimina
  2. Mi associo ad Annalisa ma mi piace tantissimo il metodo di conservazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La versatilità di questo tipo di conservazione e' eccezionale, basta usare la fantasia! Provare provare.... Un abbraccio Gloria,

      Elimina
  3. Qui mi arrestano se provo a mangisre il coniglio! :-)

    RispondiElimina
  4. Bellissima questa ricetta della tradizione e bellissime anche le foto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, mi ha incuriosito subito e quindi ho provato... proprio niente male, a presto!

      Elimina
  5. Le ricette di una volta affascinano sempre anche me e questa non la conoscevo proprio!!! Bellissima idea e foto strepitose, come sempre! Kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono del parere che facendo di necessità virtù, come si dice, a volte vien fuori qualcosa di speciale! Grazie grazie

      Elimina
  6. il tonno di coniglio d'estate lo faccio spesso altarnando con le bistecche in carpione...che bontà,un saluto e ti aspetto nel mio blog!!!

    RispondiElimina

Se desideri lasciarci un commento, saremo felici di risponderti. Grazie per la tua visita.