mercoledì 16 dicembre 2015

Crostata di frutta secca

Crostata di frutta secca 
Sono ancora in tempo?... Ci tenevo a pubblicare questa crostata prima dell'inizio del delirio...  pacchi, tavolate con amici e colleghi, riunioni, spettacoli natalizi, ritrovi nei caffé... tutti vogliamo scambiarci un abbraccio prima del Natale, non è così? E non dimentichiamoci dei regali dell'ultimo minuto... e come se non bastasse, per chi sta a casa, acquisti no-limits di cibo per la Vigilia o Pranzo di Natale. Quindi dicevo... ho le mie buone ragioni per aver tutta questa fretta. In realtà sono stata qualche giorno ko ma oggi non mi ferma più nessuno. La crostata in questione sembra una banale riproduzione di tante che si vedono esposte in pasticceria in questo periodo ma... non questa. Ho voluto rendere il lavoro più complicato perchè le cose facili non mi danno grande soddisfazione e quindi l'ho reinterpretata seguendo l'istinto salutista che mi possiede da qualche tempo e prova dopo prova dopo prova, questa è la versione definitiva - the Ultimate Vegan Christmas Tart - 
n.b. Mi scuso per il ritardo con chi me l'ha chiesta su Instagram un paio di settimane fa dopo aver visto una prima versione... spero sia valsa l'attesa;-)


CROSTATA DI FRUTTA SECCA

INGREDIENTI per una crostata da ø 18 cm.:

Pasta frolla all'olio:
  • 125 gr. di farina semi integrale (tipo 2)
  • 125 gr. di farina di farro o kamut
  • 70 gr. di zucchero di canna
  • 100 gr. di latte vegetale
  • 40 gr. di olio EVO delicato
  • 5 gr. lievito per dolci
  • 1 gr. sale
  • ½ bacca di vaniglia
  • ½ arancia (la scorza grattugiata)
  • ½ limone (la scorza grattugiata)
Caramello:
  • 150 gr. di zucchero di canna
  • 20 gr. di miele o malto di riso
  • 60 gr. di acqua
  • 70 gr. di latte di mandorla non zuccherato
Frutta secca:
  • 40 gr. di noci
  • 40 gr. di nocciole
  • 40 gr. di mandorle
  • 15 gr. di pistacchi
  • 15 gr. di pinoli
PREPARAZIONE:
Pasta frolla: nella ciotola della planetaria (con la foglia) unite le farine, il lievito, i semini estratti dalla bacca di vaniglia, la scorza d'arancia, la scorza di limone, il sale e l'olio EVO; fate girare la macchina per qualche minuto, dopodiché unite lo zucchero di canna (precedentemente frullato per renderlo più fine) e il latte. Appena si sarà formato l'impasto formate una palla, avvolgetela nella pellicola e riponetela in frigorifero per almeno 3 ore. Trascorso il tempo di riposo, rivestite la teglia con la pasta frolla, formando un bordo di due centimetri; bucherellate la superficie e stendete un disco di carta forno riempiendolo con dei legumi secchi. Cuocete in bianco la crostata per 22-25 minuti in forno a 180°. Terminata la cottura lasciatela raffreddare.

Caramello: in un pentolino versate l’acqua, poi lo zucchero e il miele. Fate cuocere, senza mescolare, fino a quando lo zucchero inizierà a caramellare. Nel frattempo, portate ad ebollizione il latte di mandorla. Quando il caramello avrà assunto una colorazione ambrata, allontanate il pentolino dal fuoco e aggiungete a filo il latte di mandorla bollente mescolando con una frusta. Prestate attenzione perché il caramello produrrà molti schizzi e schiuma. Dopo aver amalgamato bene il latte, unite tutta la frutta secca, mescolate bene e riempite con il composto la crostata livellando la superficie. Fate raffreddare e servite.

(Se volete potete sostituire il latte di mandorla con lo stesso peso di panna liquida)


7 commenti:

  1. Veramente bellissima...è una delle mie preferite, ma chissà perché non ho mai provato a farla??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io mi sono chiesta la stessa cosa, sul serio!!! Poi un giorno ho provato e chi mi ferma più?? Provaaaaaaaa... baci ciao!

      Elimina
  2. Qui in Francia trovi spessissimo questa torta nelle boulangerie. Io la adoro e la tua versione è ancora più interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà quanto saranno belle, sciccose;-) Io invece le vedo nelle pasticcerie del centro di Torino e sbavo davanti alle vetrine...

      Elimina
  3. ma la bellezza estrema?
    Grazie, augurissimi a Voi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gongolo gongolo al suon di queste parole... grassie baci baci auguri auguri

      Elimina
  4. un concentrato di zucchero e di sapore...ma quanto mi piace!!!Tanti auguri di Buone Feste!!

    RispondiElimina

Se desideri lasciarci un commento, saremo felici di risponderti. Grazie per la tua visita.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...